Lavoro e carriera purché sostenibili: il work-life balance come responsabilità manageriale?

Il desiderio di un miglior bilanciamento tra vita e lavoro è in aumento. Un numero crescente di persone è meno disposto a sacrificare la propria vita personale per quella professionale. Alle domande sul senso del lavoro e su quanto debba pesare su famiglia e affetti si aggiunge la consapevolezza che di troppo lavoro ci si ammala. Anche i manager nei prossimi anni saranno chiamati a farsene carico?

Work-life balance donna che lavora al computerBilanciare vita e lavoro comincia ad essere per donne e uomini che lavorano un diritto percepito come legittimo e per chi organizza e gestisce il lavoro diventa un dovere a cui rispondere responsabilmente.

Continue reading “Lavoro e carriera purché sostenibili: il work-life balance come responsabilità manageriale?” »

Congedo di paternità: mamme che lavorano e papà che cambiano?

Alla nascita di un bimbo la conciliazione vita-lavoro delle mamme e dei papà deve trovare nuovi equilibri attraverso una ridefinizione di compiti e responsabilità. Per evitare che a soccombere sia soltanto la mamma che lavora servono leggi e investimenti pubblici, ma serve anche mettere in discussione nella coppia alcuni assunti culturali oramai da superare.

Congedo parentale e mamme che lavorano, papà che passeggia col figlio

In questo giorni la stampa sta (giustamente) riportando l’attenzione sul congedo di paternità, la cui sperimentazione terminerà quest’anno nel caso non venisse confermata dal Governo. Il congedo, che inizialmente era di un giorno e poi di due, è stato introdotto nel 2013. La legge di Stabilità 2018 lo ha raddoppiato da 2 a 4 giorni (congedo obbligatorio remunerato al 100 per cento) ma si tratta di una misura sperimentale che in assenza di interventi normativi si concluderà il prossimo 31 dicembre. Continue reading “Congedo di paternità: mamme che lavorano e papà che cambiano?” »

Ansia e gestione del tempo: una questione di confini?

Gli stati d’ansia sono generalmente associati ad una perdita di controllo. Quando il tempo ci sfugge e non siamo in grado di maneggiarlo è più probabile attivare una risposta di allarme che si traduce in stress e stati d’ansia generalizzata. In questi casi, gestire bene il tempo può avere un doppio beneficio: rendere più efficace la nostra organizzazione quotidiana e contenere l’ansia.

Ansia e gestione del tempo, guardare l'orologio

Ciascuno di noi può tollerare una limitata perdita di controllo, superata la quale entra in uno stato di agitazione e di ansia. Se temporaneo, questo stato è funzionale ad attivarsi per ristabilire l’equilibrio, ma se si protrae diventa disfunzionale e patologico. In molti casi l’ansia ha a che fare con la gestione dei confini e del tempo e con la sensazione di non poterlo gestire ed esserne sopraffatti. Il tempo, che nella rappresentazione mitologica mangia i propri figli, a volte minaccia di inghiottirci e noi rischiamo di perderci. Mantenere un orientamento e una gestione salda del tempo ci dà una sensazione di controllo e di benessere, aumenta contemporaneamente il senso di efficacia e tiene a bada l’ansia. Continue reading “Ansia e gestione del tempo: una questione di confini?” »

Efficacia della psicoterapia on line: cosa dicono le ricerche

Quando si parla di psicoterapia on line sembra non esserci ancora un punto di vista condiviso, soprattutto tra i professionisti. È lecito porsi degli interrogativi sull’efficacia dell’aiuto psicologico on line. Per il momento, i risultati positivi delle ricerche condotte rilevano un’efficacia paragonabile alla terapia tradizionale.

Efficacia-della-psicoterapia-online-ragazza-sulla-poltrona-col-pcLa domanda sull’efficacia della psicoterapia on line è frequente da parte dei clienti che si rivolgono allo psicologo on line. È allo stesso tempo di primario interesse per la comunità dei professionisti, che talvolta guarda a queste nuove forme di terapia con un certo scetticismo. Le riflessioni hanno spesso come fondamento soltanto la sensazione personale di chi espone il proprio punto di vista, che è qualcosa, ma non è sufficiente.

Continue reading “Efficacia della psicoterapia on line: cosa dicono le ricerche” »

Come gestire il proprio tempo: introdurre un rituale quotidiano

La maggior parte delle persone dichiara di avere un problema di gestione del tempo. Sia nel lavoro che nella vita privata le cose da fare sono più numerose di ciò che si riesce a portare a termine, con ripercussioni negative sull’umore, la salute e le relazioni. Ci sono alcune piccole regole che possono essere di grande aiuto.

Tecniche per gestire il tempo in maniera efficace, mano che regge orologio da polso sullo sfondo il tramontoIl tempo non si gestisce: scorre, fregandosene di noi e dei nostri impegni, tanti o pochi che siano, importanti o meno. Dopo averlo inventato, migliaia di anni fa (Jullien, 2010), esserne rimasti soggiogati e avere di recente scoperto che non esiste, almeno nel senso comune in cui lo si intende (Rovelli, 2017), ci troviamo tutti a doverci fare i conti.

Continue reading “Come gestire il proprio tempo: introdurre un rituale quotidiano” »

La psicoterapia online: vantaggi, rischi ed efficacia

La psicoterapia on line, così come altre forme di consulenza psicologica, è una forma di aiuto sempre più richiesta e proposta, anche nel nostro Paese. Professionisti e clienti, scettici o entusiasti, si interrogano sui vantaggi, sui rischi e sull’efficacia della terapia a distanza. Ecco alcuni criteri di valutazione.

La diffusione e la confidenza di utilizzo ormai quotidiano dei mezzi di comunicazione a distanza spinge un numero sempre più alto di persone a intraprendere un percorso di psicoterapia on line. Il miglioramento della qualità delle connessioni rende sempre più praticabile la terapia a distanza anche attraverso comunicazioni video e non solo audio: terapia via Skype, Hangouts o Whatsapp. Una delle domande più frequenti che clienti e professionisti si pongono riguarda l’efficacia della psicoterapia a distanza, soprattutto se paragonata a quella tradizionale.

Continue reading “La psicoterapia online: vantaggi, rischi ed efficacia” »

Workaholism: sintomi, conseguenze e cura

Il workaholism è una forma di dipendenza psicologica dal lavoro. Lo si riconosce dal tempo eccessivo dedicato al lavoro, dall’agitazione che si prova quando “non si fa nulla” e dalla riduzione progressiva dell’investimento emotivo in altri ambiti di vita. Quand’è così è meglio rivolgersi ad un professionista

Il workaholism è una forma di dipendenza da lavoro da non confondersi con la passione per il lavoro, il desiderio sano di riuscita o l’engagement. Come nelle altre forme di dipendenza, nel workaholism le persone scivolano piano piano in una relazione ambivalente con il lavoro dalla quale difficilmente riescono a liberarsi nonostante l’illusione di poterlo fare qualora ci fosse la necessità o l’intenzione. Che però non arrivano mai. Continue reading “Workaholism: sintomi, conseguenze e cura” »

Linee guida per le prestazioni psicologiche via internet e a distanza*

Nella consulenza psicologica on line il cliente deve essere messo nelle condizioni di verificare la professionalità e la correttezza dello psicologo on line al quale si sta affidando: titoli, esperienza, competenze ma anche il rispetto di alcune condizioni formali, come ad esempio l’iscrizione all’Ordine degli Psicologi, il segreto professionale, la tutela della privacy e il consenso informato.

Qui di seguito riporto integralmente il contenuto indicato nel sito del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) riguardo le linee guida per le prestazioni psicologiche via internet e a distanza. Trovo che siano una buona risorsa a disposizione anche dei clienti che hanno così la possibilità  di valutare la professionalità e la correttezza dello psicologo con cui intendono avviare una consultazione on line. Mi attengo alle medesime linee guida anche nei servizi di coaching.

Continue reading “Linee guida per le prestazioni psicologiche via internet e a distanza*” »

La consulenza psicologica online: quanto è efficace?

La consulenza psicologica online è un modo efficace per dare e ricevere aiuto psicologico. Lo psicologo online può sostituire quello nello studio? La consulenza psicologica Skype o Hangouts o Whatsapp ha la stessa efficacia di quella tradizionale?

Consulenza psicologica on line. Due mani femminili che scrivono al computer

Come per altre forme di relazione e di comunicazione a distanza, la consulenza psicologica online risponde alle esigenze di coloro che non riuscirebbero ad avere una relazione di persona con un professionista con la stessa frequenza e facilità. È lecito tuttavia interrogarsi sulla validità di questa forma di aiuto, poiché nella rete la facilità di accesso non necessariamente è sinonimo di efficacia e valore.

Continue reading “La consulenza psicologica online: quanto è efficace?” »

Consulenza psicologica online: quando richiederla e come funziona

La consulenza psicologica on line risponde alle esigenze di coloro che cercano un aiuto psicologico ma non possono recarsi in studio dallo psicologo. Quando richiedere un consulto psicologico via Skype o Hangouts o Whatsapp?  Come funziona una sessione di consulenza con lo psicologo online?

Consulenza-psicologica-online-quando-richiederla-e-come-funziona-mani-di-donna-viste-dall'alto-su-una-tastiera-di-computer

Le motivazioni che portano le persone a scegliere un servizio psicologico via Skype, Hangouts o Whatsapp sono molteplici. Pensando alla mia esperienza come psicologo on line e quella di tanti colleghi che utilizzano nel loro lavoro la consulenza psicologica a distanza mi sento di dire che sono almeno le seguenti: Continue reading “Consulenza psicologica online: quando richiederla e come funziona” »